Altro

    Come la ricerca confeziona i risultati per dimostrare ciò che vuole

    In mano all’industria, una sostanza posta in esame potrà dare risultati positivi, dimostrandosi innocua per una determinata specie; la stessa sostanza, analizzata da ricercatori indipendenti, può risultare invece nociva, sempre per la stessa specie.

    Dove sono le prove che le ricerche su animali beneficino gli esseri umani?

    È quasi impossibile fare affidamento sulla maggior parte degli studi condotti su animali e riuscire a prevedere i risultati sull’essere umano.

    Le meraviglie della tossicogenomica

    Nell’articolo precedente abbiamo trattato il tema dei metodi alternativi al modello animale. Abbiamo chiarito come andrebbero meglio definiti metodi sostitutivi, in quanto...

    Uso di metodi alternativi alla sperimentazione animale: quali le possibilità per il futuro?

    Il resoconto dell'OpenDay delle 3Rs (Refinement, Reduction, Replacement) svoltosi il 31 ottobre 2018 all'Università Bicocca di Milano.

    La stabulazione all’interno del modello animale

    L'animale stabulato non può costituire un modello affidabile: per questo la stabulazione ha in sé il seme della fallacia e della inaffidabilità scientifica.

    « […] il numero di composti chimici in commercio è elevatissimo e molto elevato è il numero di nuove sostanze ogni anno immesse nell’ambiente: calcolando che ogni test su roditori richiede circa cinque anni di sperimentazione e valutazione dei dati, come si può testare centinaia di migliaia di composti? […] Una valutazione ottimistica indica che sono disponibili “dati tossicologici adeguati”, derivati quasi tutti da test sugli animali, solamente per il 10-20% dei prodotti chimici presenti nell’ambiente. Il giornalista Leslie Lang, in un articolo pubblicato su Environmental Health Perspectives (nel 1995), riportò che “dei 50 prodotti chimici più utilizzati negli Stati Uniti (che ammontavano a quasi 317 milioni di tonnellate all’anno) più di due terzi non erano ancora testati sugli animali, al fine di stabilire il loro potenziale cancerogeno.” Di questo passo, per eseguire test per tutti i prodotti chimici attualmente in uso ci vorrebbero varie centinaia di anni, anche utilizzando tutti i laboratori disponibili al mondo»

    Queste affermazioni, tratte dal libro: “Cancro: un male evitabile – come combattere una strage inutile” del professor Gianni Tamino, altro autorevole esponente del movimento antivivisezionista scientifico, ci costringono ad una profonda e seria riflessione. Quasi quotidianamente compaiono articoli su giornali e riviste divulgative ove si sbandiera l’impossibilità di fare a meno della ricerca condotta su animali al fine di salvaguardare la salute dell’uomo e dell’ambiente, ma i fatti smentiscono tali affermazioni, volutamente false! Si fa credere ai cittadini che l’obiettivo è salvare vite umane, ma le cose non stanno così. Si continua a ripetere che si sacrificano animali per salvare vite umane, ma andando oltre il fumo si scopre amaramente la realtà dei fatti!

    Viene poi da chiedersi come mai quando si ricorre a colture in vitro si faccia uso di cellule animali anziché ricorrere a cellule umane, che ci porterebbero certamente a risultati più sicuri e più attendibili per la nostra specie. Forse perché utilizzando cellule animali si può continuare ad  ottenere “risultati preconfezionati”!?

    In altri termini, continuando ad utilizzare il modello animale anche quando non si fa ricerca in vivo, ma in vitro, non utilizzando tecniche human based, cioè su cellule e/o tessuti umani, si continua  a fare ricorso al solito metodo al fine di dimostrare ciò che si vuole. Se il modello animale, come sostenuto dai fautori, è un modello “da cui non si può prescindere”, come mai nella messa a punto di molecole che potranno diventare farmaci, vengono condotte (molto più spesso di quanto ci si possa immaginare) sperimentazioni in contemporanea sull’animale e sull’uomo? (BMJ 28/02/2004), senza attendere l’esito di risultati ottenuti sui primi?

    L’animale nella sua complessità non è l’uomo, ma pensare  che ciascun animale, che rappresenta un sistema complesso a sé,  con milioni di variabili, possa dare dei risultati predittivi per l’uomo, altro sistema complesso con milioni a sua volta di variabili, sembra veramente “tirato per i capelli”. I fautori del modello animale sostengono che la ricerca in vitro non consente le stesse garanzie di quella condotta in vivo. Ma  la vera verifica in vivo che possa essere ritenuta veramente predittiva per l’uomo è solo la verifica sull’uomo, che se fosse preceduta da metodi validi dal punto di vista scientifico, sarebbe meno rischiosa.

    Vorrei concludere tornando al concetto di sacrificio di altri esseri viventi per un “nobilissimo scopo” (sulla carta la salute e la tutela dell’ambiente, di fatto è fare gli interessi di chi inquina e non paga mai) e considerando la mole di sostanze da testare, è stato stimato che il “sacrificio” di animali ammonterebbe a ben oltre cinquanta milioni: una vera ecatombe… purtroppo  inutile!

    Il dottor Joshua Lederberg,  premio Nobel per la medicina nel 1981, ha dichiarato: «Non è semplicemente possibile, con tutti gli animali del mondo, esaminare i prodotti chimici nel modo cieco che oggi usiamo, e raggiungere conclusioni credibili sul loro pericolo per la salute umana».  Possiamo ancora continuare a credere alla favola che la sperimentazione condotta su animali salverà l’uomo e l’ambiente? Credo che la risposta possa essere una sola: assolutamente NO!

    Dott. Maria Concetta Digiacomo
    Presidente O.S.A. - Oltre la Sperimentazione Animale

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    “Giustizia Selvaggia”, di Mark Bekoff e Jessica Pierce

    Una guida preziosa per comprendere quanto il mondo misterioso degli animali sia più vicino a noi di quanto possiamo immaginare.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend