Altro

    Dove posso liberare il cane in città? Nell’area cani!

    Una breve carrellata delle regole di comportamento cui attenersi all'interno dell'area cani.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Si parte per le vacanze!

    Tutte le regole e accortezze da conoscere per viaggiare in compagnia dei nostri amici su aerei, treni, navi e altri mezzi di trasporto.

    Cani in transito o transito di cani?

    L'analisi del fenomeno della movimentazione di animali dal Sud verso il Nord, che interessa oltre 20.000 animali d'affezione ogni anno.

    La relazione è la somma delle esperienze che un binomio fa

    È la relazione che permette al cane di fidarsi del proprietario e solo con quella si possono costruire le fondamenta di una convivenza piacevole e pacifica.

    Per avere un corretto bagaglio esperienziale il cane necessita di momenti di libertà che gli permettano, oltre all’eliminazione delle deiezioni, anche l’attività olfattiva e le interazioni corrette con gli altri cani.

    La prima domanda da porsi è: quando posso liberare il cane? Semplice:

    • Quando non c’è nessun pericolo per il cane e per gli altri;
    • Quando si ha un buon grado di comunicazione con il cane (fondamentale, l’aver impostato il richiamo);
    • Quando si conosce bene il cane e si è preparati alle sue reazioni in qualunque situazione.

    Facciamo ora una breve carrellata delle regole di comportamento cui attenersi all’interno dell’area cani:

    Controllare che tutti i cancelli siano chiusi

    Purtroppo molti padroni hanno il vizio di lasciarli aperti una volta usciti e, se adiacenti all’area cani ci sono delle strade trafficate, la situazione può farsi pericolosa.

    Controllare che ci sia spazio a sufficienza

    Valutare la dimensione dell’area in relazione al numero di cani già presenti.

    Non avere fretta di entrare!

    Osservare attentamente come i cani si rapportano fra loro e riflettere sull’inserimento del proprio.

    Chiediamo collaborazione

    È consigliabile chiedere agli altri proprietari di richiamare i propri cani per evitare situazioni stressanti. Dobbiamo essere liberi di sganciare il cane senza che tutti gli altri si accalchino abbaiando vicino al cancello dall’ingresso.

    Nessuna distrazione!

    Aspetto fondamentale: l’eliminazione di ogni possibile distrazione quali il cellulare e il giornale. Inoltre è importante porre attenzione a ciò che sta facendo il nostro amico a quattro zampe, evitando chiacchiere con altre persone.

    Evitare di giocare a palla in presenza di altri cani

    Episodi di possessività  e competitività  sono molto frequenti e la situazione può degenerare velocemente

    Non tenere il cane al guinzaglio in mezzo a tanti cani liberi

    Se è legato non può allontanarsi da noi o dagli altri cani, rischiando di stressarsi e diventare aggressivo.

    Non prendere in braccio i cani di piccola taglia.

    Gli altri cani liberi possono incuriosirsi e avvicinarsi mentre quello in braccio, impossibilitato a fuggire, rischia di diventare aggressivo e sfidare gli altri per proteggersi e proteggerci. Il risultato può essere una vera e propria aggressione e possiamo andarci di mezzo anche noi!

    Bene, credo di aver detto tutto. A questo punto non mi resta che augurarvi buon divertimento!

    Per altri consigli utili, seguimi su Instagram @veronica.dogtrainer e su Facebook (Zampettando qua e là).

    Veronica Bianca Veronesi
    Dottoressa in "Allevamento e Benessere Animale" laureata presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano ed Educatrice Cinofila CSEN. Attraverso il suo Blog “Zampettando qua e là” s’impegna a diffondere tutto ciò che riguarda la cultura cinofila, promuovendo il benessere del cane e la costruzione di una sana relazione con il proprietario.

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    “Giustizia Selvaggia”, di Mark Bekoff e Jessica Pierce

    Una guida preziosa per comprendere quanto il mondo misterioso degli animali sia più vicino a noi di quanto possiamo immaginare.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend