Altro

    È possibile concepire una Pasqua senza agnello?

    (Oppure una Rai senza Bruno Vespa)

    “Ora d’aria” dei cani introdotta per legge in Germania?

    La proposta della Ministra dell'Agricoltura tedesca è stata accolta con toni trionfali. Ma siamo certi che sia una buona notizia?

    Morte del cane per errore del veterinario: ogni tanto si ritorna indietro di qualche casella

    Riflessioni sull’evoluzione giurisprudenziale del danno non patrimoniale per perdita dell’animale d’affezione, che fa venire in mente il "gioco dell'oca".

    Cinghiali: ammazziamoli tutti, ma non proprio tutti…

    Dunque è pronta l’ennesima (e non creduta) giustificazione che potrebbe legittimare l’ennesimo atto di crudeltà verso gli animali. In questo caso i...

    Macellazione rituale: è il momento di abolirla

    È un pomeriggio di inizio gennaio e una tranquilla borgata della provincia romana viene risvegliata da strazianti urla di dolore. È in...

    Questo il tema che credevo si dibattesse nella trasmissione di Porta a Porta andata in onda ieri sera. Partiamo dagli ospiti. Giorgio Calabrese, collaudata spalla del primo attore Bruno Vespa. Marisa Laurito, autorevole filosofa. Nicola Levoni, presidente Assica. Andrea Bertaglio, giornalista ambientalista. Leonardo Caffo, uomo coraggioso.

    Segnalo alcune perle: la Pasqua è un simbolo e l’agnello non può mancare; se non mangi la caranese non sei un abruzzese; se felice vuoi campare, l’agnello devi mangiare.

    Sia chiaro, non mi aspettavo di ascoltare argomentazioni degne di un Luigi Vallauri (anche se ho apprezzato Leonardo Caffo) ma neppure che si scadesse così tanto.

    Levoni (Assica) precisa che c’è allevamento intensivo e allevamento intensivo e soprattutto bisogna intendersi su cosa significhi allevamento intensivo (domani invierò via WeTransfer al Presidente di Assica il file di Dominion, così che si possa fare un’idea di cosa sia un allevamento intensivo). Il giornalista esperto di ambiente, Andrea Bertaglio, prende le distanze dalle troppe falsità che si dicono e si sono dette intorno agli allevamenti intensivi (mi rallegra il fatto che almeno lui conosca il significato di allevamento intensivo). Caffo, sommessamente, si chiede come si faccia a parlare di benessere animale e coniugare questo benessere con una esistenza infernale degli animali che culmina con una morte atroce, forse da preferire alla prima.

    Conclusione: ancora una volta si è fatto finta di trattare un tema serio mettendo in scena una non troppo riuscita puntata di Casa Vianello.

    Ma Raimondo e Sandra erano più divertenti di Bruno Vespa e Giorgio Calabrese.

    Avv. Filippo Portoghese
    Avvocato del Foro di Milano, è portavoce di Animal Law e referente del servizio di consulenza legale dedicato agli animali presso Altroconsumo.

    La Grecia vieta la macellazione dei cavalli, mentre in Italia…

    La Grecia equipara i cavalli a cani e gatti. Si tratta di un esempio unico in Europa, mentre in Italia proposte di legge analoghrestano nei cassetti.

    La libertà del gatto finisce dove inizia la libertà dei condomini

    A certe condizioni, possiamo lasciare che il nostro gatto circoli liberamente nel condominio, assecondando il suo spirito di libertà.

    Lockdown: come l’hanno vissuto gli animali?

    Il respiro di sollievo delle altre specie e della Terra

    “Ora d’aria” dei cani introdotta per legge in Germania?

    La proposta della Ministra dell'Agricoltura tedesca è stata accolta con toni trionfali. Ma siamo certi che sia una buona notizia?

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend