Altro

    Randagismo: ribadito il divieto di impedire la somministrazione di cibo per gli animali

    Commento a TAR Campania 958/18

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    L’abbandono di animali è reato: fondamentale denunciare

    Alcune indicazioni su cosa fare per segnalare e denunciare, partendo da una vicenda interessante della quale si è recentemente occupata la Cassazione.

    Umani e animali in condominio: in particolare, l’uso dell’ascensore

    Una sentenza del Tribunale di Monza chiarisce che i regolamenti condominiali non possono vietare l'accesso all'ascensore insieme ai quattrozampe.

    Con ordinanza cautelare, il TAR Campania ha sospeso l’ordinanza comunale con cui un Comune del beneventano vietava di alimentare i cani randagi.

    Il giudice amministrativo ha ritenuto sussistente il pericolo che i cani randagi possano morire per inedia per la mancata somministrazione di cibo in luoghi pubblici, in ottemperanza al divieto stabilito dall’ordinanza impugnata, così come il pericolo che l’obbligo di utilizzare la museruola possa provocare stress all’animale con rischio di causare o esacerbare tendenze aggressive.

    Il TAR ha poi chiarito che l’interesse pubblico sottointeso al divieto di alimentazione non può identificarsi nel divieto di alimentare gli animali randagi bensì deve essere ravvisato nell’esigenza di evitare situazioni nocive o pericolose dal punto di vista igienico-sanitario, quali l’abbandono di rifiuti sul suolo pubblico, avanzi di cibo o contenitori, fattispecie già previste quale illecito.

    Per il TAR è lecita la somministrazione di cibo agli animali randagi a condizione che il deposito di cibo avvenga attraverso l’uso di appositi contenitori ed a condizione che gli stessi vengano successivamente rimossi a cura degli stessi cittadini che hanno somministrato il cibo, costituendo tale successivo adempimento un loro preciso obbligo, oltre che conforme al comune senso civico.

    Pure indiscriminato appare, per il TAR, l’obbligo di dotare di museruola i cani appartenenti alle razze pericolose o di grossa taglia; la previsione comunale, dunque, risulta illegittima e contrastante con la normativa in materia e che “la letteratura scientifica veterinaria ha confermato che non è possibile stabilire il rischio di una maggiore aggressività di un cane in base alla razza o ai suoi incroci” (sentenza 7100/16, il T.A.R. Lazio-Roma).

    Diffusamente (e con ampia giurisprudenza), Gasparre, Randagismo: un fenomeno insidioso, Key editore.


    In basso pubblichiamo la sentenza per intero (scarica).

    Annalisa Gasparre
    Abilitata alla professione forense, dottoranda di ricerca, autrice, vanta una decennale esperienza nel settore della tutela degli animali e dei soggetti deboli.

    Lockdown: come l’hanno vissuto gli animali?

    Il respiro di sollievo delle altre specie e della Terra

    “Ora d’aria” dei cani introdotta per legge in Germania?

    La proposta della Ministra dell'Agricoltura tedesca è stata accolta con toni trionfali. Ma siamo certi che sia una buona notizia?

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend