Altro

    Non curare il proprio animale da compagnia? Scatta il reato!

    Riconosciuto dalla Cassazione il reato di maltrattamento per il padrone che non porta dal veterinario il proprio animale in caso di evidente malattia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    Seppellire gli animali di affezione con i loro padroni: è possibile?

    Dalla Lombardia una importante novità per tutti gli amanti degli animali, che speriamo possa presto essere imitata da altre regioni italiane.

    L’abbandono di animali è reato: fondamentale denunciare

    Alcune indicazioni su cosa fare per segnalare e denunciare, partendo da una vicenda interessante della quale si è recentemente occupata la Cassazione.

    Le Guardie zoofile dell’OIPA di Roma sono intervenute d’urgenza trovando il povero Willy, un cane meticcio di 8 anni, in grave stato di malnutrizione, magrissimo, immobile e cieco con piaghe sulla pelle, ormai arreso in fin di vita.

    Il povero cane era stato abbandonato nel cortile tra le sue feci, senza alcuna cura da parte dei relativi possessori. Per fortuna c’è stato un lieto fine per Willy, che è stato sequestrato per maltrattamento, curato e affidato ad una famiglia.

    Il non curare il proprio animale ben può integrare una responsabilità penalmente rilevante. Il reato di maltrattamento di animali, previso e punto dall’art. 544 ter c.p., prevede la reclusione fino a un anno e mezzo o con multa fino a 30.000 euro – pena che, si auspica, verrà aggravata con una riforma legislativa chiesta dalle Associazioni protezionistiche – e colpisce “chiunque”, per crudeltà o senza la necessità, maltratta un animale (non solo cane o gatto) anche se di proprietà.

    Anche i giudici si sono espressi sulla responsabilità di proprietari superficiali e insensibili. Così, la Corte di Cassazione, con recentissima sentenza n. 22579 del 2019, ha confermato la condanna a 10.000 euro di multa nei confronti del proprietario di un cane per non averlo portato dal veterinario, in presenza di una evidente malattia, senza quindi procedere con le necessarie cure.

    Può quindi configurarsi la responsabilità penale anche per mera insensibilità del proprietario o possessore alle necessità del proprio animale, senza che per forza sia necessaria una volontà diretta e crudele di cagionare sofferenza.

    Discorso ben diverso nel caso in cui vi siano delle difficoltà economiche per il proprietario che non possa sostenere interventi costosi. In questo caso entra in gioco la solidarietà mediante raccolta fondi per le cure in attesa, come da tempo si chiede al legislatore, dell’introduzione di una mutua nazionale per gli animali da compagnia.

    Ma attenzione: il maltrattamento per mancate cure non si limita a cani o gatti. Così il proprietario di 12 asini è stato condannato per detenzione incompatibile di animali: l’accusa era di non aver tagliato le unghie ai suoi equini che, diventando troppo lunghe, necessitavano l’intervento del maniscalco, comportando una serie di difficoltà per gli animali a deambulare e a stare in piedi (Cassazione Penale, sez. III, n. 14734 del 4 aprile 2019).

    Avv. Claudia Taccani
    Avvocato responsabile Sportello Legale OIPA Italia Onlus e socio fondatore di Animal Law Italia. Da anni svolge l'attività di divulgatrice sulla tutela legale degli animali.

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    “Giustizia Selvaggia”, di Mark Bekoff e Jessica Pierce

    Una guida preziosa per comprendere quanto il mondo misterioso degli animali sia più vicino a noi di quanto possiamo immaginare.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend