Altro

    Maltrattamento di animali: nel Regno Unito elevate le pene

    Fino a cinque anni di carcere per chi maltratta animali: la decisione del Parlamento dopo una serie di casi che hanno scosso fortemente l'opinione pubblica.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    Seppellire gli animali di affezione con i loro padroni: è possibile?

    Dalla Lombardia una importante novità per tutti gli amanti degli animali, che speriamo possa presto essere imitata da altre regioni italiane.

    L’abbandono di animali è reato: fondamentale denunciare

    Alcune indicazioni su cosa fare per segnalare e denunciare, partendo da una vicenda interessante della quale si è recentemente occupata la Cassazione.

    Fino a cinque anni di carcere, questa è la nuova pena che nei casi più gravi potrà essere inflitta a chi viene condannato per maltrattamento di animali nel Regno Unito. Il Parlamento di Westminster ha infatti approvato una nuova legge, in vigore da oggi, che eleva le pene massime adeguandole a quelle in vigore in Irlanda del Nord e altri paesi anglosassoni.

    In precedenza, la pena massima in vigore oltremanica era di appena 6 mesi di reclusione: una sanzione ritenuta del tutto insufficiente dall’opinione pubblica, che era rimasta scossa da recenti casi di cronaca, come la vicenda di un tale che aveva acquistato alcuni cuccioli con l’unico scopo di incrudelire sugli stessi con violenza, fino a soffocarli e ucciderli a coltellate. In aggiunta all’inadeguatezza per reprimere casi simili, la pena massima di soli sei mesi di reclusione si era dimostrata priva di potere deterrente.

    Con questa legge il Regno Unito si porterà al pari con quanto già previsto in Irlande del Nord, Repubblica di Irlanda, Canada e Australia, dove la pena massima per il maltrattamento di animali era stata già da tempo portata a 5 anni. I nuovi limiti di pena si applicheranno anche a chi organizza combattimenti tra cani.

    Come riferisce il Guardian, il Ministro per l’Ambiente con delega alla tutela degli animali, Michael Gove, ha dichiarato: «Siamo una nazione di amanti degli animali, dobbiamo quindi assicurare che coloro che commettono crudeltà tanto tremende verso gli animali possano essere puniti con pene severe». Gove ha aggiunto che la nuova legge risponde alle richieste delle corti di giustizia, che avevano più volte avanzato una richiesta di elevare le pene.

    Va detto che il Regno Unito è una nazione molto attenta al benessere degli animali, tanto che già nel 1822 era stata approvata una legge contro il trattamento crudele del bestiame e nel 1835 era entrata in vigore una prima legge che tutelava tutti gli animali contro la crudeltà, poi aggiornata nei decenni successivi per includere una seri di limiti alla vivisezione.

    In Italia, l’art. 544-ter del codice penale prevede come pena per il maltrattamento la reclusione da tre ai 18 mesi, una sanzione da più parti considerata inadeguata, anche perché — salvo i casi di recidiva — è sostanzialmente impossibile che i colpevoli finiscano in galera, potendo optare sulla sospensione condizionale della pena. Se scoperto, chi maltratta o uccide animali viene quindi condannato esclusivamente al pagamento di una multa molto salata. Alla luce dell’evoluzione sociale e della richiesta di elevare le pene per questi reati in tutto il mondo, la richiesta di mettere mani alle sanzioni anche nel nostro paese si fa sempre più pressante.

    Avv. Alessandro Ricciutihttp://www.alessandroricciuti.it
    Avvocato, attivista, presidente e co-fondatore dell'associazione Animal Law Italia. Dal 2012 si occupa dei diritti degli animali, collaborando con diverse associazioni e offrendo assistenza legale ai privati. Maggiori informazioni.

    Lockdown: come l’hanno vissuto gli animali?

    Il respiro di sollievo delle altre specie e della Terra

    “Ora d’aria” dei cani introdotta per legge in Germania?

    La proposta della Ministra dell'Agricoltura tedesca è stata accolta con toni trionfali. Ma siamo certi che sia una buona notizia?

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend