Altro

    Detenzione di animali d’affezione in Cina

    Nonostante la Cina non si possa definire "pet friendly", qualcosa sta cambiando.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    Seppellire gli animali di affezione con i loro padroni: è possibile?

    Dalla Lombardia una importante novità per tutti gli amanti degli animali, che speriamo possa presto essere imitata da altre regioni italiane.

    Si parte per le vacanze!

    Tutte le regole e accortezze da conoscere per viaggiare in compagnia dei nostri amici su aerei, treni, navi e altri mezzi di trasporto.

    Umani e animali in condominio: in particolare, l’uso dell’ascensore

    Una sentenza del Tribunale di Monza chiarisce che i regolamenti condominiali non possono vietare l'accesso all'ascensore insieme ai quattrozampe.

    La prima domanda che mi sento sempre porre quando dico che abito, per parte dell’anno, in Cina è sempre la stessa: «È vero che mangiano i cani?»

    Difficile dare una risposta obiettiva ed esauriente a questa domanda perché, se è vero che i cinesi sono un popolo particolare, è anche vero che questa nazione è talmente grande da vivere realtà molto diverse da provincia a provincia e, addirittura, da paese a paese all’interno della stessa provincia.

    Accanto a città come Pechino, Shanghai e Hangzhou (dove abito io) che sono megalopoli simili a New York ci sono città come Yulin, Harbin e molte altre che non solo si trovano in mezzo al nulla ma il tasso di povertà e analfabetismo è altissimo.

    La popolazione in queste città spesso vive di agricoltura e di una sorta di allevamento animale che il più delle volte si realizza con la stretta convivenza degli animali con le persone. Difficile, in queste condizioni aspettarsi la benché minima regolamentazione di benessere animale ma anche di norme igieniche base.

    La fame e la povertà spinge queste popolazioni a cibarsi di qualsiasi animale esista nel loro territorio, è facile infatti, imbattersi nei famosi mercati di carne all’aperto dove le specie esposte alla vendita sono le più disparate.

    Famoso per la sua crudeltà è il “festival della carne di cane“ di Yulin, dove sono visibili a tutti le torture imposte ai cani. È da dire però che da anni la popolazione cinese si sta ribellando a questo tipo di cultura tanto che, anche l’esercito, è intervenuto in alcuni casi per far cessare questa ricorrenza.

    Ma, al di là di questa usanza, quando ho pensato di trasferirmi in Cina mi sono dovuta scontrare contro una legislazione molto restrittiva riguardo non solo alla possibilità di introdurre i miei cani sul territorio cinese ma anche circa la detenzione di qualsiasi animale da affezione.

    Va subito detto che in Cina non esiste una legge nazionale riguardo la detenzione e il possesso di animali da parte dei privati, ne consegue che: ”provincia che vai, legge che trovi”!

    Di base è consentito possedere un cane solo per abitante mentre è possibile detenere più gatti, conigli o ricci (si, in Cina il riccio è un animale da affezione tenuto tranquillamente in appartamento!).

    Questa reticenza verso i cani è dovuta essenzialmente ai possibili fastidi che possono arrecare abbaiando e/o sporcando le aree comuni tanto che, mentre è facile vedere cani aggirarsi per Pechino a tutte le ore del giorno non è così in altre città.

    Ad Hangzhou, per esempio, i cani possono uscire solo dalle 19:00 alle 7:00 mentre è vietato portare a passeggio il proprio cane durante il giorno, soprattutto nella zona del centro città.

    I cani non possono essere lasciati liberi (purtroppo la polizia è autorizzata alla percossa del cane qualora trovato senza guinzaglio oltre alla segnalazione del proprietario), non esistono aree cani e, ovviamente, è obbligatorio raccogliere le deiezioni.

    Non tutti i condomini accettano cani e, spesso, quelli accettati devono sottostare a regole sulla taglia (non superare i 40 cm di altezza).

    In alcune città, inoltre, è obbligatorio esporre all’esterno del condominio la foto del cane e il nome del proprietario qualora il cane dovesse scappare e/o causare danni.

    Insomma, la Cina non è molto “pet friendly” anche se, devo dirlo, sono di più i Cinesi che si interessano al benessere animale.

    Nelle grosse città è facile trovare meravigliosi “cat caffè” dove è possibile passare qualche ora in compagnia delle più svariate razze di gatti che vengono lasciati liberi di giocare, dormire sui tavoli e farsi coccolare.

    Per entrare occorre disinfettarsi le mani, indossare dei calzari e farsi spruzzare con un prodotto che neutralizza l’odore umano!

    Gli animali sono tenuti veramente bene; spazzolati, profumati, coccolati e, appena sporcano scattano le pulizie dei dipendenti che sono pronti anche nel sedare eventuali risse tra i felini.

    Di fatto, la Cina è ben lontana da avere leggi precise e unificate riguardo la detenzione degli animali d’affezione ma qualcosa si sta muovendo soprattutto grazie ai giovani che iniziano a capire l’importanza non solo dell’animale in sé ma anche del suo benessere.

    Foto. di copertina: allensima su iStock

    Dott.ssa Marina Natascia Finazzi
    Laureata presso la facoltà di medicina veterinaria di Milano, specializzata in medicina veterinaria legale e forense.

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    “Giustizia Selvaggia”, di Mark Bekoff e Jessica Pierce

    Una guida preziosa per comprendere quanto il mondo misterioso degli animali sia più vicino a noi di quanto possiamo immaginare.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend