Altro

    La macellazione equina è realmente in calo?

    Un nuovo studio di Italian Horse Protection contesta le statistiche ufficiali sui cavalli macellati e getta ombre sulla sorte degli equidi adoperati per sport equestri e corse ippiche.

    Diritti umani e diritti degli animali: una nuova prospettiva per lo ius animalium

    Quando, circa venti anni fa, proposi alla professoressa Maria Gabriella Esposito, docente di Filosofia del Diritto all’Università degli Studi di Teramo, una...

    Il medico veterinario pubblico nell’accertamento e prevenzione dei reati contro gli animali

    Presentare il lavoro del medico veterinario pubblico è cosa complessa, perché le sue mansioni vengono declinate in modo differente nelle diverse Regioni...

    Tutela penale degli animali: la prospettiva del P.M. e del Giudice

    Alcune riflessioni sorte dall’esperienza pratica e suggerite da operatori del settore che spesso richiedevano la soluzione di problemi giuridici.

    Interventi Assistiti con Animali (IAA): un nuovo modo di pensare la relazione uomo-animale a servizio della società

    Gli IAA sono condotti da una équipe multidisciplinare e possono avere valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa.

     IHP Italian Horse Protection è un’associazione che combatte per tutelare e proteggere i cavalli e gli altri equidi e inoltre gestisce il primo centro di recupero in Italia per equidi maltrattati, con sede a Montaione (FI), riconosciuto con Decreto del Ministero della Salute.

    Una mission correlata a quella principale è il contrasto dell’abuso e lo stop della macellazione degli equini. Già qualche anno fa IHP, con il suo presidente Sonny Richichi, ha pubblicato uno studio sulle etichette presenti sulle confezioni della carne equina, in cui si evidenziava come, in realtà, non era indicata la provenienza dei cavalli che finiscono al mattatoio e quindi della carne che finisce sulle tavole.

    In un nuovo studio pubblicato un mese fa, Italian Horse Protection evidenzia la notevole discordanza tra la quantità di equidi macellati secondo l’Istat, con riferimento all’anno 2017, e quella secondo la banca dati nazionale dell’Anagrafe Equina: 28.181 contro i 46.053.

    Secondo il presidente di IHP «l’Anagrafe equina è gestita in modo molto confuso a causa, anche, di una normativa che andrebbe modificata. La specie equide è l’unica specie a non avere un’anagrafe gestita dal Ministero della Salute ma bensì dal Ministero delle politiche agricoli e forestali (MIPAAF), che, a sua volta, rimanda alle varie associazioni degli allevatori provinciali e/o regionali». Secondo Sonny Richichi tutta questa confusione ha creato, nel corso degli anni, un’anagrafe molto frastagliata, non favorendo le registrazioni e non facendone pervenire molte.

    Questa nuova ricerca di IHP apre uno scenario abbastanza inquietante: oltre a non esserci la tracciabilità delle carni macellate, non vi è nemmeno la tracciabilità e sicurezza riguardo i cavalli pervenuti al macello. Qualche anno fa, la Federazione degli Ordini dei Veterinari Italiani aveva diffuso i dati di una ricerca secondo cui, tra tutti i cavalli che arrivano a essere macellati, solo una piccola percentuale proviene da appositi allevamenti. E gli altri cavalli? Se ad esempio, nel 2015, in tutto i cavalli macellati sono stati 49.350, di cui 22.640 importati dall’estero e solo circa 5-6.000 erano stati allevati a scopo di macellazione, gli altri restanti capi da dove provengono?

    L’ipotesi più plausibile è che la macellazione venga utilizzata come valvola di sfogo dagli sport equestri e dal mondo delle corse ippiche.

    «Solitamente — afferma Sonny Richichi — il cavallo infortunato o non più “utile” viene venduto o, come si dice in gergo, “dato via”, magari senza la consapevolezza o certezza che il povero cavallo varchi le porte del mattatoio».

    Un po’, come ci racconta Sonny, come la triste storia dei cavalli da corsa, che finiscono a trainare carrozze con turisti per le grandi città d’arte d’Italia.

    Alice Caldarini
    Laureanda in Giurisprudenza con una tesi in diritto penitenziario, da sempre è interessata ai diritti degli animali, in particolare a quelli inerenti il mondo degli equidi. Collabora con associazioni attive nell'ambito del benessere dei cavalli e nel loro recupero in caso di maltrattamenti.

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.

    L’eterno problema dei danni cagionati da fauna selvatica: nuovo orientamento della Cassazione

    Un nuovo orientamento della Cassazione interviene su un tema complesso, cercando un bilanciamento di interessi tra dottrina e giurisprudenza.

    “Giustizia Selvaggia”, di Mark Bekoff e Jessica Pierce

    Una guida preziosa per comprendere quanto il mondo misterioso degli animali sia più vicino a noi di quanto possiamo immaginare.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend