Altro

    C’era un volta… un gatto!

    La vicenda del “killer dei gatti” di Trescore Balneario (BG)

    Killer dei gati". Questo è l’appellativo che si è guadagnato un uomo quarantatreenne di Trescore Balneario, Bergamo, chiamato a rispondere del...

    Il cane ci supera in amore

    Il cane respira e si nutre di relazione. Il cane non può capire le distanze che poniamo tra lui e noi...

    Lo stato del corpo e le emozioni del cane

    Attraverso le emozioni l’animale è come se colorasse il mondo: a seconda di come si sente interiormente, il mondo assume tonalità diverse.

    Il binomio cane-bambino come ausilio dello sviluppo evolutivo

    Sono molteplici i contributi che un bambino può ricevere nella relazione con un cane o con un gatto, sin dalla più tenera età.

    Il gatto è uno degli attori principali del mondo delle fiabe. Come non ricordare il famoso Gatto con gli stivali o Stregatto di Alice nel paese delle meraviglie? Irruenti, impacciati, sempre pronti a ficcarsi nei guai come Silvestro, ammalati di curiosità, a loro modo artisti anzi, artisti nati come l’intero cast degli Aristogatti. Le fiabe ce li raccontano forse esagerando un po’ le loro caratteristiche ma non allontanandosi troppo dalla realtà.

    Con quello stile elegante e aggraziato nel muoversi e l’aria un po’ distaccata e aristocratica, con l’agilità e l’armonia di un ginnasta o di un ballerino e lo scatto fulmineo di un bolide da Formula 1, il gatto ha tutti i requisiti per sorprenderci e suscitare in noi meraviglia e ammirazione. Nello stesso tempo proprio la sua tendenza a osare le piroette più ardite mette il gatto nelle condizioni di cadere nel comico come nelle contese tra Tom e Jerry.

    L’astuzia è sicuramente la qualità che meglio descrive il piccolo felino: nelle fiabe lo vediamo architettare strategie complicate pur di raggiungere i suoi obiettivi. Il gatto con gli stivali ha proprio questi connotati: furbo, capace di agire con destrezza, talvolta persino sfrontato e soprattutto testardo nel perseguire i suoi scopi. Inventa, recita, organizza, insomma non sta mai fermo. Il gatto con gli stivali tesse una ragnatela di eventi che solo al termine della storia assumono un significato, ci svelano il piano del loro artefice.

    Se osserviamo attentamente un gatto sono aspetti che ritroviamo anche nella realtà perché i gatti sembrano sempre avere un piano nella loro testa. Sono affascinati da tutte le novità, vogliono scoprire ogni cosa e reagiscono con prontezza a ogni più piccolo evento. Non hanno gli stivali ma la loro nobiltà la dimostrano nel modo elegante con cui camminano, nell’attenzione che manifestano per la pulizia e la precisione. I gatti amano le persone educate, quelle che non urlano, non si agitano, non vanno verso di loro in modo eccessivo. Se stai fermo e parli a bassa voce loro verranno subito sulle tue ginocchia.

    Il gatto è aristocratico nei modi, perché sembra non toccare il terreno quando passeggia e sa compiere balzi di estrema precisione. Anche Romeo, seppur gatto di strada, uno dei tanti che nella realtà abitano gli angoli verdi di Roma, ha tutta la nobiltà che gli deriva dalla sua specie. Sotto le zampe i gatti hanno speciali cuscinetti che attutiscono il rumore e li rendono silenziosi nel cammino. Forse per questo Stregatto appare e scompare di colpo ad Alice: è magico perché sembra spuntare dal nulla. Di notte i gatti neri compaiono all’improvviso e nasce proprio da qui la superstizione del gatto nero, ovviamente non vera.

    Il gatto sembra poco socievole perché a differenza del cane ama fare le attività da solo senza chiedere la collaborazione all’umano, proprio come fa il gatto con gli stivali. Ma è solo un solista non un solitario e cerca la compagnia proprio come il gatto de I Musicanti di Brema che sa affiancare non solo il cane e l’asino ma anche il gallo.Vivere con un micio significa pertanto avere un amico affettuoso e giocoso che riempirà le nostre giornate di gioia e di stupore perché saprà farci entrare nel suo mondo magico.


    Roberto Marchesini
    Filosofo, etologo, zooantropologo, saggista e fondatore di SIUA (Istituto di formazione zooantropologica).

    La Grecia vieta la macellazione dei cavalli, mentre in Italia…

    La Grecia equipara i cavalli a cani e gatti. Si tratta di un esempio unico in Europa, mentre in Italia proposte di legge analoghrestano nei cassetti.

    La libertà del gatto finisce dove inizia la libertà dei condomini

    A certe condizioni, possiamo lasciare che il nostro gatto circoli liberamente nel condominio, assecondando il suo spirito di libertà.

    Lockdown: come l’hanno vissuto gli animali?

    Il respiro di sollievo delle altre specie e della Terra

    “Ora d’aria” dei cani introdotta per legge in Germania?

    La proposta della Ministra dell'Agricoltura tedesca è stata accolta con toni trionfali. Ma siamo certi che sia una buona notizia?

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Newsletter

    Newsletter

    Send this to a friend