Altro

    Alcune cose straordinarie sui polli che non sai

    I polli sono animali estremamente intelligenti, il che solleva interrogativi sul trattamento che ricevono negli allevamenti intensivi.

    Sentient Media logo
    © 2021 Sentient Media.

    I polli sono generalmente considerati poco intelligenti. Questa classificazione rozza è forse assegnata ai polli senza grande considerazione e, in parte, può derivare dalla nostra visione dei polli come animali destinati ad uso alimentare. I polli rappresentano il 95% degli animali allevati per l’alimentazione in tutto il mondo. Negli Stati Uniti il 99,9% dei polli allevati per carne, detti “polli da carne”, sono confinati all’interno degli allevamenti intensivi, secondo il Sentience Institute.

    La Scientific American definisce l’intelligenza dei polli “impressionante” perché «i polli sono intelligenti e capiscono il loro mondo, il che solleva interrogativi preoccupanti sul modo in cui vengono trattati negli allevamenti intensivi». La Dott.ssa Lori Marino, una neuroscienziata che studia cognizione, emozione e comportamenti nei polli, ha un approccio unico alla domanda dell’età: i polli sono intelligenti? Nel 2017 disse alla rivista Mental Floss: «Non c’è molto lavoro scientifico da svolgere sulla cognizione del pollo, perché se si presume che un animale non abbia un dato tratto, non lo studi. Ma la ricerca che c’è stata è stata molto, molto convincente».

    Cosa sappiamo delle menti dei polli? Quanto sono intelligenti questi uccelli e cosa possono pensare e sentire?


    I polli sono davvero intelligenti?


    Sono curiosi

    I polli sono indagatori e notano – e riferiscono agli altri – che cosa succede intorno a loro. La Dott.ssa Chris Evans dell’Università di Macquarie ha studiato le comunicazioni nei polli e dice: «Ci possono segnalare con notevole precisione gli eventi critici nel loro mondo, come la comparsa di un particolare tipo di predatore, o la scoperta di cibo».


    Possono essere manipolatori

    I polli sono capaci di molti comportamenti sociali positivi, ma come molti altri animali e umani possono essere manipolatori e ingannarsi a vicenda. La Dott.ssa. Marino scrive: «I maschi a volte faranno un richiamo per il cibo in assenza di cibo. Ciò serve ad attrarre le femmine che, una volta vicine, possono essere coinvolte e difese contro altri maschi (Gyger e Marler, 1988). Ovviamente, le donne sviluppano controstrategie e alla fine smettono di rispondere ai maschi che troppo spesso chiamano in assenza di cibo (Evans, 2002). Questi tipi di strategie sociali, l’inganno e le controstrategie, colpiscono in modo simile agli stessi tipi di comportamenti complessi identificati nei mammiferi, compresi i primati».


    Possono imparare facilmente

    I polli imparano molto in fretta, anche rispetto agli esseri umani. L’autrice dello studio “The Intelligent Hen,” la Dott.ssa Christine Nicol scrive che «i polli hanno la capacità di padroneggiare competenze e sviluppare capacità che un bambino può impiegare mesi e anni per realizzare», compreso tenere il conto dei numeri fino a cinque, visualizzare la permanenza degli oggetti simile a quella nelle scimmie, e la comprensione di concetti fondamentali come l’ingegneria strutturale di base.


    Possono eseguire l’aritmetica di base

    Come alcuni altri uccelli e scimpanzé tra altri animali, i polli possono fare aritmetica semplice. La Dott.ssa. Marino scrive: «I polli possiedono una certa comprensione della numerosità e condividono alcune capacità aritmetiche di base con altri animali».

    Uno studio pubblicato nel 2009 ha anche trovato capacità aritmetiche nei pulcini appena nati, concludendo che «in assenza di una formazione specifica, i pulcini distinguevano spontaneamente tra il due e il tre, in entrambi i casi preferendo l’insieme più ampio di stimoli».


    Hanno autocontrollo

    Uno studio del 2005 ha dimostrato che i polli prevedono il futuro e si preoccupano. Possono anche mostrare autocontrollo. Lo studio ha scoperto che, se gli si offriva una piccola ricompensa, i polli ne aspettavano una più grande.

    L’autore dello studio, il Dott. Siobhan Abeyesinghe ha osservato: «Un animale in grado di anticipare un evento potrebbe trarre vantaggio dai segnali per la previsione di soccorso, ma può anche essere in grado di aspettarsi che lo renda vulnerabile alla vanificazione, alla frustrazione e all’ansia preventiva. I tipi di capacità mentale che l’animale possiede, pertanto, impongono come dovrebbero essere gestiti al meglio e ciò che potremmo fare per ridurre al minimo lo stress psicologico».


    Possono mostrare autocoscienza

    I polli possono anche prevedere e preoccuparsi per il futuro, che può essere legato al loro autocontrollo. Marino scrive: «L’autocontrollo può anche essere associato allo sviluppo dell’autoconsapevolezza (Genty et al. 2004) e all’autonomia: la capacità di pensare e di scegliere i risultati futuri».


    I polli riconoscono i loro padroni?

    I polli riconoscono fino a 100 volti, e si è scoperto che associano i volti che ricordano alle esperienze positive o negative. I polli possono anche mostrare amore ed affetto agli esseri umani che si occupano di loro, e certamente ricordano gli esseri umani che conoscono e come questi umani possono averli curati.


    Ai polli piace essere accarezzati?

    I polli, come l’uomo e altri animali, sono unici e possono avere preferenze diverse. Ma a molti polli piace essere accarezzati una volta che si abituano ad interagire con gli umani. A volte faranno addirittura felicemente le fusa come i gatti. Anche in un ambiente come quello dell’allevamento industriale, in cui i polli probabilmente non hanno sperimentato la gentilezza, agli uccelli curiosi potrebbe piacere interagire con qualcuno.

    In un cortometraggio, la fondatrice di We Animals Media Jo-Anne McArthur documenta un allevamento di pollo. 
    Narra: «Mi chiedo come reagiranno questi polli quando si renderanno conto che non intendo. Smetto di sparare, mi siedo e metto la macchina fotografica a terra. All’inizio, sono ancora prudenti. Ma presto gli uccelli audaci cominciano ad avvicinarsi. Sono curiosi. Presto mi ritrovo circondata da un mare di polli».

    I pulcini inizieranno presto ad arrampicarsi sulle sue ginocchia. McArthur, che ha fotografato i polli sia negli allevamenti intensivi sia nella sicurezza delle riserve, dice di un uccello che si è seduto nelle sue mani: «Questo uccello non è mai stato un animale domestico prima d’ora, e lei lo ama, voglio dire che le galline lo amano. Si sta sistemando sulla mia mano. Sta iniziando a pavoneggiarsi adesso perché le piace tanto ciò che faccio».


    Sono individui

    Non solo membri di un ovile senza volto, i polli sono individui unici con personalità. La Dott.ssa. Marino scrive: «C’è un’ abbondanza di prove aneddotiche per le singole personalità nei polli provenienti dalle riserve, piccoli agricoltori e persone che tengono polli da cortile. E… le galline madri mostrano una serie di tratti individuali di personalità materna che sembrano influenzare il comportamento dei loro pulcini».


    Anche i polli si vedono come individui

    La Dott.ssa. Marino constata che i polli hanno «notevoli capacità di riconoscere gli individui nel loro gruppo sociale, nonché la capacità di seguire la gerarchia sociale del gruppo e gli individui all’interno di esso (come precedentemente discusso)». Aggiunge: «Non solo i polli riconoscono chi è e non è un membro del loro gruppo sociale, ma distinguono gli individui all’interno del loro stesso gruppo».


    Sono iperprotettivi

    Come le madri di altre specie, le galline sono estremamente protettive nei confronti dei loro piccoli. Uno studio del 2013 ha rilevato che le galline madri agiscono in modo protettivo se sentono minacciati i propri pulcini, non solo quando i pulcini manifestano difficoltà, ma anche sulla base della conoscenza delle potenziali minacce.

    Gli autori scrivono: «Le galline madri aumentavano le vocalizzazioni materne ed il passo, e diminuivano l’autocompiacimento, quando percepivano che i pulcini erano minacciati, a prescindere dalle reazioni dei pulcini alla situazione. Le galline mostravano segni di ipertermia indotta da stress solo quando la loro percezione della minaccia era in linea con quella dei loro pulcini. 
    Il comportamento del pulcino era influenzato dalle aspettative delle galline, con tutti i gruppi di pulcini che passavano più tempo vocalizzando soccorso e meno tempo a pavoneggiarsi quando si trovavano nel contesto che la gallina associava ad una minaccia».


    Possono sognare

    I polli provano la fase REM (movimento oculare rapido) del sonno, e come nel caso di qualsiasi altro animale, non possiamo sapere che cosa sognano, ma i ricercatori credono che sognino.


    Provano empatia

    I polli mostrano empatia l’uno per l’altro, il che significa che possono capire ciò che gli altri sentono o stanno vivendo. 
    I ricercatori hanno concluso che le galline madri presentano segni di angoscia quando i loro pulcini sono in difficoltà.


    I polli hanno memoria?

    Quando si tratta di non dimenticare, probabilmente pensiamo agli elefanti, ma anche i polli hanno una memoria notevole. I ricercatori hanno scoperto che i pulcini possono ricordare oggetti dopo che sono stati nascosti dalla vista.

    Come posso sapere se i miei polli sono felici?
    Le linee guida dal Farm Animal Welfare Council stabiliscono gli standard di benessere denominati “cinque libertà”, che sono i seguenti:

    • Libertà dalla Fame e dalla Sete
    • Libertà dal Disagio
    • Libertà dal Dolore, dalle Lesioni, o dalla Malattia
    • Libertà di Esprimere un Comportamento Normale
    • Libertà dalla Paura e dalla Sofferenza

    Tuttavia, indagini sotto copertura hanno rivelato che persino negli allevamenti sottoposti a standard di benessere “elevati”, i polli possono spesso soffrire, e alcuni potrebbero anche non sopravvivere fino alla macellazione.

    Come ricercatore di benessere degli animali la Dott.ssa Mary Baxter scrive in The Conversation: «Ci sono molti modi per dire se un pollo soffre. Ma per creare ambienti veramente positivi per i polli da carne d’allevamento, i ricercatori devono trovare il modo di misurarne la loro contentezza».

    Allora, quali sono i segni di vera felicità nei polli? Baxter scrive: «I comportamenti di simil gioco nel pollame sono stati descritti per la prima volta negli anni ’50 e ’60, con ricercatori che scrivevano resoconti dettagliati di “combattimento”, “sfrenatezza” e “scarsità di cibo” nei giovani uccelli. Negli anni successivi, essi sono stati ribattezzati come “aggressione” o “corsa con svolazzo”.
    Probabilmente ciò è dovuto alla generale riluttanza degli scienziati ad attribuire emozioni o consapevolezza agli uccelli. Ma questi comportamenti si inseriscono in definizioni consolidate di gioco degli animali e la loro presenza nei polli da carne moderni potrebbe essere solo il segnale di felicità che cerchiamo».

    Ma non dobbiamo guardare solo alle linee guida industriali per capire il comportamento dei polli. Coloro che hanno interagito con i polli, spesso hanno salvato uccelli nelle riserve, spesso si accorgono che fanno le fusa quando sono felici, come detto in precedenza.


    I polli sentono dolore?

    Come gli umani e gli altri animali, i polli sono in grado di sentire dolore. 
    Un documento intitolato “Pain Issues in Poultry” (“Problematiche legate al dolore nel pollame”), pubblicato in Applied Animal Behavior Science dichiara: «I ricettori che rispondono alla stimolazione nociva (nocicettori) sono stati identificati e caratterizzati fisiologicamente in molte parti del corpo del pollo, tra cui il becco, la bocca, il naso, la capsula articolare e la pelle. La stimolazione di questi nocicettori produce cambiamenti cardiovascolari e comportamentali coerenti con quelli osservati nei mammiferi e sono indicativi di percezione del dolore».

    Gli autori continuano: «Gli esperimenti fisiologici e comportamentali hanno individuato il problema del dolore acuto a seguito della rifilatura delle becche nei pulcini, l’incatenazione e la plumofagia e inquinamento ambientale. Il dolore cronico è un problema di benessere molto maggiore perché può durare per lunghi periodi di tempo da settimane a mesi. 
    Le prove per un eventuale dolore cronico è dimostrato da una varietà di diverse condizioni, tra cui la rifilatura del becco nei volatili più vecchi, la malattia ortopedica nei polli da carne, e la rottura ossea nelle galline ovaiole».

    I polli da carne vengono allevati per crescere molto rapidamente, macellati a circa 45 giorni di età, e la ricerca sta dimostrando che questi uccelli subiscono gli effetti fisici di questa crescita di velocità innaturale. Uno studio recente dal Global Animal Partnership ha concluso che i polli cresciuti per una crescita più rapida «avevano un livello di attività più basso, indicatori più scarsi di mobilità, più basso livello di salute delle zampe e dei garretti, marcatori biochimici più elevati nei danni muscolari, aumento del tasso di miopatie e sviluppo potenzialmente inadeguato di organi”. Il rapporto osserva che “Il tasso di crescita veloce associato ad un elevato rendimento mammario è associato a scarsi risultati in termini di benessere».


    I polli sono simili agli animali da compagnia?

    I polli sono molto simili in qualche modo agli animali che solitamente consideriamo come compagni domestici. Come altri animali, questi uccelli sono individui unici con personalità diverse, ma spesso sono inquistivi, giocosi ed affettuosi.

    Nel 2017, il Guardian chiese: “I polli sono davvero i nuovi cani?” poiché le persone nel Regno Unito hanno sempre più tenuto gli uccelli come animali domestici. 
    Un aumento simile si stava verificando contemporaneamente negli Stati Uniti, dove l’ L.A. Times ha chiamato gli allevamenti di polli «uno degli hobbie che crescono più velocemente». Poiché gli uccelli hanno esigenze diverse dagli animali più comunemente considerati “animali domestici”, il Times ha anche avvertito che «i polli spesso soffrono perché la gente non sa cosa sta facendo».


    I polli sono più intelligenti dei cani?

    L’intelligenza di pollo rivaleggia quella dei cani, gli animali straordinariamente intelligenti che celebriamo come migliori amici degli esseri umani ma questi uccelli sono anche più intelligenti di un bambino.


    Un mondo migliore per i polli

    La prova che i polli sono intelligenti e in grado di sentire dolore e sofferenza è schiacciante. Tuttavia, poiché alleviamo ed uccidiamo i polli a miliardi ogni anno, potrebbe ancora esserci un distacco nella nostra capacità di considerare questi animali come senzienti. La Dott.ssa. Lori Marino ritiene che, per comprendere l’intelletto dei polli, dobbiamo iniziare a studiarli da un punto di vista diverso.

    Ha detto alla rivista Mental Floss: «La maggior parte del lavoro svolto su polli, pesci e mucche tende a coinvolgere il tentativo di capire come far deporre più uova o crescere più velocemente o non farli beccare l’un l’altro. È tutto molto applicato e ci fa perdere il senso ultimo. Questi sono animali che hanno una storia evolutiva e adattabile esattamente come uno scimpanzé, un cane od un essere umano. Sono animali. E, per lo meno, dobbiamo affrontarli come animali nel loro diritto».

    Traduzione di Camilla Acerbi