Vi presentiamo il nostro nuovo logo

Un aggiornamento da tempo programmato, che porta una ventata di modernità all'immagine della nostra associazione.

Da leggere

Un passo in avanti verso l’etichetta europea sul “benessere animale”

Una proposta che punta alla trasparenza per il consumatore e strizza l’occhio agli interessi dell’industria agroalimentare.

Allevamento in gabbia: per l’83% degli italiani va abolito

Secondo un sondaggio diffuso in Italia oggi 9 dicembre, l’83% dei cittadini in Italia è d’accordo con la riallocazione...

Covid e allevamenti di visoni: facciamo il punto

Non solo Olanda e Danimarca: anche in Italia il virus è entrato negli allevamenti, che sono stati "congelati" dal Ministero della Salute.

Avevamo stabilito di presentare il nuovo logo in occasione del quinto anniversario della nostra associazione, che festeggeremo a giugno. Tuttavia, poiché siamo davvero soddisfatti del risultato, abbiamo deciso di non attendere altri sei mesi per svelarvelo. È stata prevista una versione principale e una variante.

Versione principale

Si tratta di quella utilizzata sul nostro sito. Come segno di continuità con il marchio precedente, abbiamo scelto di mantenere l’identico colore blu scuro e l’elemento circolare in posizione preminente, come marchietto.

Abbiamo anche mantenuto lo slogan “leggi eque per gli animali”, che da sempre accompagna il nostro logo, separato da una linea. Per scelta stilistica dettata dalla volontà di dare maggiore movimento alla composizione, la linea è stata prolungata rispetto alla scritta, che appare allineata a destra, così come lo slogan1Nelle pagine interne del sito lo slogan viene omesso per ragioni di spazio e leggibilità, mentre viene riportato sulla pagina iniziale e appare in fondo a ogni pagina..

All’interno del cerchio è racchiuso l’acronimo ALI (dalle iniziali della nostra associazione), caratterizzato dall’inserimento di una “A” alata come emblema: un chiaro riferimento simbolico alla libertà, che ben rappresenta l’ideale profondo che Animal Law Italia pone quale obiettivo finale del proprio agire.

Il marchietto cerchiato con l’acronimo e l’emblema viene anche adoperato come nuova immagine del profilo per i nostri canali social.

La simbologia delle ali è stata preferita rispetto alla stilizzazione di animali, che sarebbe risultata parziale e non avrebbe reso la specificità dei nostri scopi rispetto a quelli di altre realtà che si occupano del salvataggio e dell’accudimento di animali.

Al pari, abbiamo anche scartato l’utilizzo di altri elementi che richiamano il mondo della giustizia, quali martelletti e bilance, poiché non avrebbero comunque reso appieno le nostre finalità e ideali, con il rischio di ingenerare confusione sulle nostre attività. Da qui la decisione di “giocare” con l’acronimo, scegliendo di inserire il supremo ideale della libertà sotto forma di segno grafico.

Versione alternativa

Più sobria, verrà utilizzata sulla carta intestata. Viene omesso l’elemento circolare con l’acronimo ma l’emblema (la “A” con le ali) è comunque presente, al centro della parola LAW, posta a sua volta esattamente al centro della composizione. In questa versione, tutti gli elementi sono allineati al centro lungo l’asse verticale.

Da sapere

Da oggi viene ritirato ogni utilizzo del vecchio logo con la scritta “Animal Law” incastonata in un tondo che — se si escludono alcuni marginali interventi di modifica intervenuti nel tempo — ha accompagnato e rappresentato sin dalla nascita la nostra associazione.

L’utilizzo dei nostri segni distintivi continua ad essere regolato dalle condizioni indicate dettagliatamente in questa pagina. Se vi occorre il nostro logo per un evento, un articolo o per ogni altro utilizzo lecito e consentito, contattateci.

Ringraziamo lo Studio Grafico Mariano Argentieri di Bari per aver interpretato al meglio le nostre richieste.

Ultime notizie

Strage di gatti a Samarate: una comune regia?

Numerosi sono gli episodi di violenza a danno di felini che recentemente si stanno registrando in diverse zone della...

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend