L’Inghilterra regola le compravendite di cuccioli

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

L’Inghilterra disciplina in senso restrittivo le compravendite di cuccioli di cane e gatto: da adesso in poi, chiunque voglia prendere con sé un animale deve adottarlo da un rifugio, oppure rivolgersi direttamente ad un allevatore registrato, essendo stata vietata la vendita attraverso negozi di animali.

Gli allevatori senza licenza verranno sanzionati e potranno rischiare fino a sei mesi di galera. Inoltre, al fine di impedire di raggirare la legge, gli allevatori dovranno mostrare che i cuccioli interagiscono con le loro madri nel posto in cui sono nati. Aumentata anche l’età minima per la compravendita, che è stata fissata a sei mesi di vita.

Il legislatore è intervenuto per porre fine alla terribile piaga delle puppy farms, allevamenti spesso non in regola dove grandi quantità di cani e gatti vedono la luce in pessime condizioni di salute, per essere poi ceduti a poche settimane di vita a venditori senza scrupoli. Il risultato è stato raggiunto grazie all’impegno decennale di una coalizione di associazioni per i diritti animali, che avevano lanciato una campagna informativa che aveva raccolto numerosi consensi.

La legge, in verità un emendamento al “The Animal Welfare (Licensing of Activities Involving Animals) (England) Regulations 2018” è entrata in vigore il 6 di aprile ed è stata soprannominata “Lucy’s Law”, in onore di un cucciolo di spaniel utilizzato come fattrice in un allevamento del Galles meridionale. Lucy alla fine venne fortunatamente salvata e adottata. La sua storia aveva commosso milioni di persone e ha ispirato questo importante cambiamento legislativo! Purtroppo la nuova legge non entrerà in vigore anche in Galles, in quanto le competenze sul benessere animale sono state trasferite dal parlamento di Westminster all’assemblea legislativa locale.

Ultime notizie

Attività venatoria: la normativa nazionale

Analisi della Legge quadro n. 157 del 1992:"Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio"

Consegnate oggi a Bruxelles 1,4 milioni di firme dei Cittadini Europei contro le gabbie!

Oggi la Commissione Europea ha ricevuto le firme dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) End the Cage Age. Quasi 1,4 milioni di firme sono...

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend