La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Da leggere

Un passo in avanti verso l’etichetta europea sul “benessere animale”

Una proposta che punta alla trasparenza per il consumatore e strizza l’occhio agli interessi dell’industria agroalimentare.

Allevamento in gabbia: per l’83% degli italiani va abolito

Secondo un sondaggio diffuso in Italia oggi 9 dicembre, l’83% dei cittadini in Italia è d’accordo con la riallocazione...

Covid e allevamenti di visoni: facciamo il punto

Non solo Olanda e Danimarca: anche in Italia il virus è entrato negli allevamenti, che sono stati "congelati" dal Ministero della Salute.

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell’Agricoltura una versione aggiornata dell’elenco delle “risorse genetiche di bestiame e pollame”, che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l’allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Come avevamo già scritto poche settimane fa, la Cina ha avviato una revisione delle specie che possono essere allevate, nell’ambito delle risposte per impedire l’emergere di nuove zoonosi. L’esclusione dei cani era stata però stata motivata sulla base del «progresso della civiltà umana», considerato che anche in Cina cani e gatti sono oramai considerati animali da compagnia.

Questa novità arriva a meno di un mese dall’inizio del festival di Yulin, che si svolge dal 21 al 30 giugno, durante il quale vengono uccisi ogni anno migliaia di cani. Questo evento che sollevava indignazione da tutto il mondo dovrebbe quindi essere finalmente consegnato ai libri di storia.

Va precisato che per quanto segni un importante passo avanti, la nuova legislazione non vieta ancora il consumo di carne di cane ma soltanto l’allevamento e la vendita. Ci auguriamo che per compiere questo ultimo passo non si debba attendere ancora a lungo.

Alessandro Ricciutihttp://www.alessandroricciuti.it
Avvocato, attivista, presidente di Animal Law Italia.

Ultime notizie

Circhi con animali: la nostra lettera aperta al ministro Franceschini

Animal Law Italia e GAIA Animali & Ambiente Onlus chiedono di attuare il “graduale superamento dell’uso degli animali” nei circhi.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend