Italia sempre più amica dei pet

Il rapporto Eurispes 2019 certifica l'aumento delle famiglie che accolgono più di un animale. Considerati amici o più spesso figli.

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

In base al rapporto 2019 dell’Eurispes, un terzo degli italiani ospita in casa almeno un animale domestico (33,6%) con un incremento dell’1,1% rispetto al 2018 (32,4%). In crescita il dato delle famiglie che adottano due, tre o più animali: rispettivamente 8,1% (7,1%;2018), 4,7% (nel 2018, 3,7%), 3,8% (nel 2018, 2,3%).

I cani con il 40,6% ed i gatti con il 30,3% sono gli animali più ospitati nelle case italiane, seguono uccelli (6,7%), pesci (4,9%), tartarughe (4,3%), conigli (2,5%) criceti (2%). Gli animali esotici si attestano al 2%, prima di cavalli (1,3%), rettili (1,1%) ed asini (0,4%).

L’Eurispes certifica che la spesa media per la cura degli animali è cresciuta negli ultimi anni: raddoppiata rispetto al 2017, tra i 51 e i 100 euro (33,2% a fronte del 31,4% del 2018 e del 15,4% del 2017); aumenta nella fascia tra i 101 e i 200 euro (14,5% rispetto all’8,1% del 2018, al 4,5% del 2017). La spesa compresa tra 201 a 300 euro riguarda il 3,7% del campione (+1,5% rispetto al 2018, nel 2017 nessuno spendeva questa cifra).

Il dato forse maggiormente significativo è che ben il 76,8% degli italiani considera i propri animali membri effettivi della famiglia: 6 su 10 li ritengono i loro migliori amici (60%), quasi un terzo veri e propri figli (32,9%). Soltanto il 20,5% considera un impegno gravoso tenere in casa un animale.

Entrare dentro un ristorante, albergo, esercizi commerciali o in spiaggia può ancora comportare qualche problema ai proprietari di cani: 4 persone su 10 hanno avuto “abbastanza” e “molte” difficoltà quando hanno provato ad entrare presso queste strutture. Un terzo del campione (33,7%), sceglie per i propri spostamenti solo alberghi e strutture che accettano animali. Il 37,1% porta sempre il proprio amico in vacanza con sé, mentre solo 3 proprietari su 10 (29,5%) si rivolgono alle pensioni per animali.

Giuseppe Notaro

Ultime notizie

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Animal Law Italia con il comune di Erchie (BR)

Per il secondo anno consecutivo, Animal Law Italia è partner del Comune di Erchie (BR) in un progetto di Servizio Civile Universale.

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend