Il Giappone riprende la caccia alle balene

Da leggere

Un passo in avanti verso l’etichetta europea sul “benessere animale”

Una proposta che punta alla trasparenza per il consumatore e strizza l’occhio agli interessi dell’industria agroalimentare.

Allevamento in gabbia: per l’83% degli italiani va abolito

Secondo un sondaggio diffuso in Italia oggi 9 dicembre, l’83% dei cittadini in Italia è d’accordo con la riallocazione...

Covid e allevamenti di visoni: facciamo il punto

Non solo Olanda e Danimarca: anche in Italia il virus è entrato negli allevamenti, che sono stati "congelati" dal Ministero della Salute.

Dopo aver tentato per anni di cambiare le regole senza riuscirvi, il Giappone ha deciso di abbandonare la Commissione internazionale per la caccia alle balene (Iwc), che nel 1986 ha sancito l’intoccabilità dei cetacei in via d’estinzione.

A nulla sono valse le pressioni delle organizzazioni ambientaliste. Tokyo, dunque, riprenderà la caccia «commerciale» alla balena, in realtà mai interrotta: quelle che da anni il Giappone spaccia per ricerche scientifiche nei mari del Polo Sud non sono altro che vere e proprie battute di pesca, come sentenziato anche dalla Corte di giustizia dell’Aja, che nel 2014 ha definito la «caccia per la scienza» un pretesto.

Ritirandosi dall’Iwc, i giapponesi torneranno alla secolare pesca regionale, nelle acque del Pacifico con un sistema di quote decise dal governo, come già accade in Norvegia e Islanda.

Giuseppe Notaro

Photo by Thomas Kelley on Unsplash

Redazione
In questa sezione carichiamo contributi esterni ricevuti dai nostri lettori. Buona lettura!

Ultime notizie

Vi presentiamo il nostro nuovo logo

Avevamo stabilito di presentare il nuovo logo in occasione del quinto anniversario della nostra associazione, che festeggeremo a giugno....

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend