Milano, pubblicato il nuovo regolamento comunale

Nei prossimi giorni analizzeremo il regolamento sui nostri canali social, concentrando l’attenzione sui temi più delicati.

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

È stato finalmente pubblicato il nuovo Regolamento per il Benessere e la Tutela degli animali del Comune di Milano, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 3 febbraio 2020. L’avv. Filippo Portoghese aveva seguito per Animal Law Italia i lavori consiliari e aveva scritto un primo commento sulla nostra rivista.

Nelle intenzioni di chi lo ha emanato, il nuovo regolamento vuole avere un ruolo educativo e di formazione di quella che pare essere una rinnovata cultura del rispetto degli animali in città. Si intersecano tra loro regole di etologia, di veterinaria, di salute pubblica, di diritto (civile, penale e amministrativo) ma soprattutto di buon senso.

Non poche le polemiche e discussioni che ne hanno accompagnato la lunga gestazione. Altrettanto numerose quelle che ne accompagneranno i primi passi, e magari anche qualcosa in più. Ci auguriamo che le disposizioni in esso contenute (o la più parte di esse) non rimangano delle idealità. Che abbiano avuto il coraggio di mutare rotta, magari prendendo le distanze da quella prospettiva antropocentrica che non pochi danni ha fatto sin ad oggi.

Il nuovo Regolamento si compone di 11 capitoli, 41 disposizioni e una serie di Allegati. Senza presunzione di alcuna esaustivi cercheremo di raccontare questo Regolamento, magari concentrando l’attenzione su quelli che sono stati e forse rimarranno i temi più delicati.

Lo faremo realizzando alcuni contributi video che saranno pubblicati a partire da questa stessa settimana sui nostri canali social e su questo articolo (in aggiornamento).


Ultime notizie

Attività venatoria: la normativa nazionale

Analisi della Legge quadro n. 157 del 1992:"Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio"

Consegnate oggi a Bruxelles 1,4 milioni di firme dei Cittadini Europei contro le gabbie!

Oggi la Commissione Europea ha ricevuto le firme dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) End the Cage Age. Quasi 1,4 milioni di firme sono...

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend