Cinghiali a Bari, Animal Law: abbattimenti inutili, adoperare metodi ecologici

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

Da diverso tempo si parla di “emergenza cinghiali” a Bari: gli animali, immessi tra il 2000 e il 2002 dall’Atc (Ambito territoriale di caccia) della Provincia di Bari per soddisfare le richieste dei cacciatori ed estranei al nostro habitat (trattandosi di una specie proveniente dall’Est Europa), negli anni si sono moltiplicati in maniera incontrollata, arrivando da alcuni mesi alle porte della città.

Da più parti si chiede un intervento delle istituzioni per evitare il verificarsi di incidenti e aggressioni ripetute (già avvenute). La soluzione, però, non può essere trovata a spese di animali incolpevoli, anch’essi vittime della situazione. Procedere mediante abbattimenti selettivi — come richiesto in una proposta avanzata da alcuni consiglieri comunali — risulterebbe soltanto in un inutile palliativo e non risolverebbe il problema strutturale. Le istituzioni hanno il dovere di intervenire con metodi ecologici e non cruenti, come previsto dalla legge ma prima di tutto occorre eliminare i cassonetti con gli scarti di cibo, che attirano i cinghiali.

Per ribadire questi aspetti ed evidenziare altre criticità, Animal Law ha inviato un comunicato stampa, appoggiato da altre associazioni locali.

Leggi il comunicato stampa integrale.

Ultime notizie

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Animal Law Italia con il comune di Erchie (BR)

Per il secondo anno consecutivo, Animal Law Italia è partner del Comune di Erchie (BR) in un progetto di Servizio Civile Universale.

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend