Campagna #EsseriSenzienti: la voce passa alle piazze

Da leggere

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

USA: milioni di animali sani verranno soppressi negli allevamenti

Decine di macelli sono chiusi per epidemia e molti allevatori stanno uccidendo gli animali "in eccesso" che non riescono a macellare. Gli allevamenti intensivi funzionano secondo logiche industriali ma la “produzione” di animali non si può arresta spingendo dei bottoni.

Hong Kong: sequestrati due enormi carichi di pinne di squalo

Ben 26 tonnellate di pinne essiccate, provenienti da circa 38.500 squali. Si tratta del più grande sequestro nella storia dell'ex colonia britannica.

Domenica 31 marzo si sono svolte in contemporanea due manifestazioni, a Roma e Milano, per richiedere l’inserimento degli animali nel codice civile come “esseri senzienti”. Una battaglia che Animal Law sta portando avanti dal 27 aprile del 2017, data in cui si è svolto a Bari il primo convegno universitario dedicato al tema. Ricordiamo anche che nel febbraio 2018 avevamo organizzato un nuovo importante convegno presso l’Università di Bologna, del quale sono anche disponibili le registrazioni dei contributi.

Ma non solo: tante altre sono state le occasioni informali, in numerose città, nelle quali abbiamo presentato la nostra proposta di modifica del codice civile. Lo scopo era inserire questo tema nella discussione pubblica, partendo dalle università e cercando l’appoggio dei professionisti e della società civile. In tutti questi casi, ci siamo sempre trovati davanti a platee numerose, anche più di quanto avessimo previsto. Segno che questa battaglia ideale focalizzava un punto ritenuto fondamentale, perché in linea con l’evoluzione della coscienza collettiva.

GUARDA il videomessaggio del nostro Portavoce, avv. Filippo Portoghese

Dopo le due manifestazioni del 31 marzo, siamo consapevoli che è nato un movimento che sta facendo finalmente pressione dal basso per richiedere la giusta attenzione su questo necessario progresso legislativo. Possiamo quindi dire che il nostro obiettivo di allargare il dibattito è stato raggiunto.

Adesso ci aspettiamo un appoggio da parte della politica, di qualsiasi colore.

Vi ricordiamo che sul sito www.esserisenzienti.it è possibile firmare per sostenere la nostra proposta, firmando la lettera aperta (riservata ai professionisti) o la petizione, che proprio oggi ha raggiunto le 10.000 firme. Il nostro obiettivo è il milione. Ci aiutate a raggiungerlo?

Ultime notizie

Lodi: sgominato traffico di cuccioli dall’Est Europa

Sequestrati anche 36 cuccioli, affidati ad associazioni animaliste e a privati. Di questi purtroppo 5 sono morti quasi subito per gravi patologie.⁠

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento dei diritti degli animali.

Wuhan mette al bando per cinque anni il consumo di carne di animali selvatici

La città di Wuhan ha bandito il consumo e l’allevamento di animali selvatici per finalità alimentari. Si tratta di misure che rientrano nella strategia cinese per impedire a nuovi agenti patogeni il salto di specie verso gli esseri umani.

USA: milioni di animali sani verranno soppressi negli allevamenti

Decine di macelli sono chiusi per epidemia e molti allevatori stanno uccidendo gli animali "in eccesso" che non riescono a macellare. Gli allevamenti intensivi funzionano secondo logiche industriali ma la “produzione” di animali non si può arresta spingendo dei bottoni.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend