Wuhan mette al bando per cinque anni il consumo di carne di animali selvatici

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

La città di Wuhan ha ufficialmente bandito per cinque anni con effetto immediato la caccia e il consumo di carne di animali selvatici. Diventerà anche più difficile allevare animali selvatici per finalità alimentari, dovendo sottostare a un sistema di licenze strettamente regolamentate.

Secondo un’inchiesta del National Geographic, fino a gennaio nell’ormai famoso mercato all’ingrosso del pesce di Huanan, nel centro della città, erano in vendita castori, porcospini, scorpioni e coccodrilli. In molte città cinesi i “wet market” stanno riaprendo, tuttavia anche altre città stanno valutando di imporre nuove stringenti regolamentazioni per motivi di sanità pubblica. Divieti come quello di Wuhan sono invece già entrati in vigore a Pechino, Shenzhen e Zhuhai e non prevedono limiti temporali.

Le autorità di Wuhan, una metropoli da 11 milioni di abitanti, hanno vietato anche la caccia di animali selvatici, tranne che per finalità di «ricerca scientifica, controllo della popolazione, monitoraggio degli agenti patogeni e altre speciali circostanze», secondo quanto riferito ai media.⁠ Agli allevatori delle regioni limitrofe sono stati offerti incentivi economici per interrompere l’allevamento di specie esotiche e selvatiche.⁠ ⁠

Anche se al momento sembra che queste regole si applicheranno soltanto per cinque anni, è particolarmente significativo il fatto che vengano attuate proprio nella città dalla quale si è diffuso il nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Che sia l’inizio di cambiamenti più importanti?

A fine gennaio il Parlamento aveva vietato temporaneamente il commercio e il consumo di carne di animali selvatici, mentre il 24 febbraio si era mosso un primo passo verso un bando definitivo del commercio illegale di fauna selvatica ed eliminazione di ogni forma di consumo abusivo, al fine di salvaguardare la salute dei cittadini. Tra le modifiche legislative che verranno prossimamente attuate, viene indicato l’inasprimento delle pene per le violazioni di legge.

Si tratta di misure che rientrano nella strategia cinese per impedire a nuovi agenti patogeni il salto di specie verso gli esseri umani. Anche se le origini del nuovo coronavirus non sono state ancora chiarite, sappiamo che virus molto simili sono endemici nei pipistrelli. Il passaggio verso di noi è avvenuto attraverso un ospite intermedio che non è stato ancora identificato e che con molta probabilità è un animale allevato o catturato in natura per consumo alimentare. Di certo sappiamo quindi che questi mercati contengono gli elementi perfetti per la proliferazione di zoonosi. ⁠

Foto di Natalie Ng/ Unsplash

Proprio oggi si apre la prima sessione annuale dell’Assemblea Nazionale del Popolo (il Parlamento cinese) che si esprimerà sulla proposta del Ministero dell’Agricoltura che intende restringere l’elenco delle specie esotiche che si potranno allevare, vietando anche il consumo di carne di cani e di gatti.

Foto di copertina di Jimmy Chan

Ultime notizie

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Taglio delle code dei maiali: l’Italia si adegua (forse) alle norme europee

Nonostante le resistenze dell'industria, si inizia finalmente a "sperimentare" quanto già previsto dalla Direttiva suini del 2008.

Paesi Bassi: oltre 620.000 visoni uccisi per il virus

Salgono a venti gli allevamenti interessati dagli abbattimenti, dopo la scoperta che in almeno due casi i visoni avevano contagiato i lavoratori.

EuropaSenzaGabbie: l’Italia arranca nella classifica dei Paesi UE

Oggi insieme alle altre associazioni appartenenti alla Coalizione italiana End the Cage AgeDella coalizione fanno parte le seguenti associazioni: Animal Equality Italia,...

In Germania nuovo lockdown dopo l’esplosione di un focolaio in un mattatoio

La struttura è situata nel Nord-Ovest del Paese. Sono almeno 1.550 i lavoratori contagiati e 7.000 i familiari in quarantena.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend