In Germania nuovo lockdown dopo l’esplosione di un focolaio in un mattatoio

La struttura è situata nel Nord-Ovest del Paese. Sono almeno 1.550 i lavoratori contagiati e 7.000 i familiari in quarantena.

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

In Germania scatta un nuovo lockdown nel distretto di Gütersloh (Renania Settentrionale-Vestfalia) dopo che è esploso un nuovo focolaio di covid-19 nel mattatoio Tönnies, con almeno 1.550 lavoratori contagiati e 7.000 familiari in quarantena.

L’infezione è molto localizzata e sono pochi i casi esterni al macello, tuttavia la crescita del contagio ha indotto le autorità a questa misura precauzionale estrema, che coinvolgerà 360.000 persone almeno per una settimana (fino al 30 giugno), per evitare che il virus possa diffondersi ulteriormente all’interno del Land. Le regole sono le stesse che valevano a marzo: divieto di assembramenti, chiusura di bar, palestre, cinema, teatri, musei, mentre i ristoranti potranno servire i membri di una stessa famiglia. Scuole e asili erano già stati chiusi nei giorni scorsi. Misure restrittive sono state prese anche nel vicino distretto di Warendorf.

Il mattatoio di Rheda-Wiedenbrück, il più grande d’Europa, è una struttura ad elevata meccanizzazione capace di uccidere e smembrare 20.000 animali al giorno. Oggi è chiuso a tempo indeterminato, in attesa del contenimento del contagio.⁠

Il virus si sarebbero diffuso soprattutto tra gli addetti al sezionamento delle carcasse in tagli più piccoli, che lavorano in file serrate lungo un nastro trasportatore. Anche se questi operai indossano tute, guanti e mascherine, l’estrema vicinanza e la temperatura costante di 12 °C si sarebbero rivelate condizioni ideali per la diffusione del contagio.⁠ In aggiunta, alcuni filmati diffusi sui social network e datati inizio aprile mostrano i lavoratori accalcati in sala mensa.

Molti degli operai sono lavoratori interinali immigrati dall’Est Europa (in maggioranza rumeni e polacchi) che ricevono salari inferiori al minimo garantito e vivono in case dormitorio, in condizioni di elevata promiscuità; spesso raggiungono il posto di lavoro su pullman sovraffollati, gestiti dalle stesse imprese che li hanno assunti.⁠

Un abisso di desolazione anche umana, riguardo alla quale il Ministro federale del Lavoro Hubertus Heil ha annunciato un divieto di esternalizzare la manodopera nei mattatoi, che dovrebbe entrare in vigore a partire dal prossimo anno.

Foto: Brusonja su iStock

Ultime notizie

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Animal Law Italia con il comune di Erchie (BR)

Per il secondo anno consecutivo, Animal Law Italia è partner del Comune di Erchie (BR) in un progetto di Servizio Civile Universale.

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Taglio delle code dei maiali: l’Italia si adegua (forse) alle norme europee

Nonostante le resistenze dell'industria, si inizia finalmente a "sperimentare" quanto già previsto dalla Direttiva suini del 2008.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend