Gorilla di montagna: finalmente una notizia positiva!

La popolazione di gorilla di montagna è sempre più ridotta e questa specie è a un passo dall'estinzione ma per fortuna ogni tanto ci sono buone notizie!

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

Nei giorni scorsi il mondo ha pianto per la morte di Rafiki, un maschio di gorilla di montagna di 25 anni di età che viveva nel Parco nazionale di Bwindi in Uganda.

Una foto di Rafiki

Rafiki (che era il capo del gruppo Nkuringo, composto da appena 17 individui) sarebbe stato ucciso da un bracconiere, che non nega l’atto criminale ma sostiene di aver colpito per legittima difesa, solo dopo che lui e il suo gruppo di altri tre cacciatori di frodo sono stati aggrediti.

I quattro sono stati arrestati e nelle loro abitazioni sono stati scoperti attrezzi per la caccia di frodo. Rischiano l’ergastolo o una sanzione fino a 5,4 milioni di dollari, considerato che questa specie è in pericolo di estinzione.⁠

Oggi l’organizzazione Gorilla Doctors condivide sui social una buona notizia, che ci rincuora almeno in parte: il 9 giugno mamma Karibu ha dato alla luce il suo piccolo! Entrambi sono in perfetta salute e vengono tenuti sotto controllo dai veterinari.⁠

Il lieto evento si è verificato nel parco nazionale di Virunga, nella Repubblica Democratica del Congo, dove vivono diversi gruppi di gorilla di montagna, la cui popolazione complessiva — suddivisa in diversi gruppi non sempre in armonia tra di loro — si stima si sia ridotta a meno di 700 esemplari. Inutile dire che il principale pericolo per i gorilla è rappresentato dalla nostra specie: caccia, distruzione dell’habitat e guerre hanno decimato la popolazione di questa sottospecie, spingendola a un passo dall’estinzione.⁠

Foto di copertina: Gorilla Doctors

Ultime notizie

Attività venatoria: la normativa nazionale

Analisi della Legge quadro n. 157 del 1992:"Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio"

Consegnate oggi a Bruxelles 1,4 milioni di firme dei Cittadini Europei contro le gabbie!

Oggi la Commissione Europea ha ricevuto le firme dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) End the Cage Age. Quasi 1,4 milioni di firme sono...

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend