Il Belgio vieta gli allevamenti di animali da pelliccia

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

Il 21 luglio scorso, il Parlamento della regione delle Fiandre ha adottato un decreto che vieta definitivamente l’allevamento di animali per produrre pellicce, dando tempo agli allevatori fino al 2023 per la riconversione di quelli ancora attivi. Questa decisione storica segna la fine di questa pratica nell’intero Belgio, considerato che gli ultimi 17 allevamenti ancora aperti — dove nascono e muoiono circa 200.000 cuccioli di visone ogni anno — sono tutti localizzati proprio nelle Fiandre.

Nel 2015 la regione della Vallonia aveva già vietato questa pratica e due anni dopo un simile divieto è entrato in vigore anche nella regione speciale di Bruxelles ma si trattava di decisioni simboliche, dato che in queste regioni già non erano presenti questi allevamenti. Un sondaggio dello stesso periodo aveva mostrato che l’85% dei cittadini fiamminghi erano a favore del divieto. 

Ben Weyts, Ministro del benessere animale del governo fiammingo, ha così commentato:

«Nelle Fiandre ci sono 17 allevamenti di animali da pelliccia, che hanno autorizzazioni per 325.000 animali. Ogni anno più di 200.000 animali vengonno ancora uccisi in questi allevamenti».

Questa nuova legge vieta anche il gavage, la tecnica crudele di alimentazione forzata di oche e anatre per produrre foie gras, che in Europa è tuttora consentita solo in Francia, Spagna, Romania e Ungheria.

Negli ultimi mesi la Repubblica Ceca, la Norvegia (un tempo il più grande produttore di pellicce di volpe) e il Lussemburgo hanno vietato l’allevamento di animali da pelliccia. Questa attività, fino a pochi decenni fa molto diffusa, sembra oramai avviata a un rapido declino.

Foto di copertina: Essere Animali

Ultime notizie

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Taglio delle code dei maiali: l’Italia si adegua (forse) alle norme europee

Nonostante le resistenze dell'industria, si inizia finalmente a "sperimentare" quanto già previsto dalla Direttiva suini del 2008.

Paesi Bassi: oltre 620.000 visoni uccisi per il virus

Salgono a venti gli allevamenti interessati dagli abbattimenti, dopo la scoperta che in almeno due casi i visoni avevano contagiato i lavoratori.

EuropaSenzaGabbie: l’Italia arranca nella classifica dei Paesi UE

Oggi insieme alle altre associazioni appartenenti alla Coalizione italiana End the Cage AgeDella coalizione fanno parte le seguenti associazioni: Animal Equality Italia,...

In Germania nuovo lockdown dopo l’esplosione di un focolaio in un mattatoio

La struttura è situata nel Nord-Ovest del Paese. Sono almeno 1.550 i lavoratori contagiati e 7.000 i familiari in quarantena.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend