Firenze, scoperto allevamento abusivo in un’area boschiva vincolata

Contestati abusi edilizi e smaltimento illecito di carcasse di ovini. Due i soggetti denunciati, applicate sanzioni amministrative per circa 33.000 euro.

Da leggere

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

USA: milioni di animali sani verranno soppressi negli allevamenti

Decine di macelli sono chiusi per epidemia e molti allevatori stanno uccidendo gli animali "in eccesso" che non riescono a macellare. Gli allevamenti intensivi funzionano secondo logiche industriali ma la “produzione” di animali non si può arresta spingendo dei bottoni.

Hong Kong: sequestrati due enormi carichi di pinne di squalo

Ben 26 tonnellate di pinne essiccate, provenienti da circa 38.500 squali. Si tratta del più grande sequestro nella storia dell'ex colonia britannica.

Decine di pecore all’interno di ricoveri di fortuna, una sala mungitura e annesso deposito attrezzi, tutto realizzato abusivamente: questa la sconcertante scoperta fatta dai carabinieri forestali di Empoli all’interno di un’area di bosco vincolata paesaggisticamente a Gambassi Terme, piccolo comune della città metropolitana di Firenze.

Perlustrando la zona, inoltre, i militari si sono accorti della presenza di numerose carcasse di ovini abbandonate all’interno del bosco, nei pressi dell’allevamento. Secondo la legge, i corpi interi o parti di animali sono classificati come rifiuti speciali (sottoprodotti di origine animale) e devono essere obbligatoriamente conferiti a uno smaltitore per essere inceneriti. È stato quindi contestato l’illecito amministrativo, con applicazione di una sanzione di 20.000 euro circa.

Uno dei sette manufatti abusivi scoperti dai carabinieri forestali.

Al sopralluogo ha partecipato anche la ASL, che ha svolto accertamenti in relazione alle pessime condizioni igieniche dei locali. Al momento, purtroppo, non è dato sapere se vi siano state valutazioni anche in merito alle condizioni di detenzione degli animali. Animal Law Italia seguirà la vicenda, al fine di verificare tale aspetto.

L’allevatore e il rappresentante della proprietà dei terreni sono stati denunciati per violazione del Testo Unico Ambientale e del Testo unico dell’edilizia, per la costruzione di sette manufatti abusivi in area vincolata paesaggisticamente. Per la trasformazione del bosco e l’abbandono di carcasse e altri rifiuti sono state anche elevate sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 33.000 euro.

Ultime notizie

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento dei diritti degli animali.

Wuhan mette al bando per cinque anni il consumo di carne di animali selvatici

La città di Wuhan ha bandito il consumo e l’allevamento di animali selvatici per finalità alimentari. Si tratta di misure che rientrano nella strategia cinese per impedire a nuovi agenti patogeni il salto di specie verso gli esseri umani.

USA: milioni di animali sani verranno soppressi negli allevamenti

Decine di macelli sono chiusi per epidemia e molti allevatori stanno uccidendo gli animali "in eccesso" che non riescono a macellare. Gli allevamenti intensivi funzionano secondo logiche industriali ma la “produzione” di animali non si può arresta spingendo dei bottoni.

Milano, pubblicato il nuovo regolamento comunale

Nei prossimi giorni cercheremo di raccontare questo Regolamento sui nostri canali social, concentrando l’attenzione su quelli che sono stati e forse rimarranno i temi più delicati.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend