EuropaSenzaGabbie: l’Italia arranca nella classifica dei Paesi UE

Da noi ancora il 76% degli animali è allevato in gabbia mentre in Austria la percentuale è di appena il 4%.

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento dei diritti...

Oggi insieme alle altre associazioni appartenenti alla Coalizione italiana End the Cage Age1Della coalizione fanno parte le seguenti associazioni: Animal Equality Italia, Animalisti Italiani, CIWF Italia, ENPA, Humane Society International Italia, LAV, Legambiente, Lega Nazionale del Cane e OIPA. pubblichiamo la classifica dei Paesi europei secondo la percentuale di animali ancora allevati in gabbia.

Purtroppo i dati raccolti fotografano una realtà per nulla positiva per l’Italia, che si colloca nella parte bassa della classifica: tra i 27 Stati membri2Viene incluso nella mappa il Regno Unito perché ha partecipato alla Iniziativa dei cittadini europei prima dell’uscita dall’UE il nostro Paese è addirittura al 17° posto. Peggio di noi fanno soltanto Francia, Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia, Lettonia, Estonia, Portogallo, Lituania e Malta.

Un dato che stride con i proclami sulla qualità delle nostre produzioni animali e con le certificazioni sul benessere animale che si stanno sempre più diffondendo.

Da noi ancora il 76% degli animali è allevato in gabbia mentre in Austria, lo Stato membro più virtuoso, la percentuale è di appena il 4%. Il dato più impressionante è quello assoluto: degli oltre 300 milioni di animali allevati in gabbia ogni anno in UE, oltre 45 milioni sono in Italia.

CLASSIFICA INTERATTIVA ▸

Entra in azione!

Chiediamo ai cittadini di sostenere il nostro appello twittando ai Ministri Speranza (Salute) e Bellanova (Politiche Agricole), affinché si impegnino ad avviare la transizione a sistemi senza gabbie sia in Italia che nell’Unione Europea.

Twitta ▸

L’iniziativa dei cittadini europei (ICE) chiede l’abolizione dell’utilizzo di gabbie in tutti gli allevamenti dell’Unione Europea.

Ogni anno oltre 300 milioni di maiali, galline, vitelli, quaglie e altri animai vivono la loro intera esistenza in gabbia. Una vita in gabbia non è una vita degna di essere vissuta e questa modalità di allevamento non è ulteriormente tollerabile.

Oltre 170 organizzazioni in tutta Europa (inclusa Animal Law Italia) hanno aderito alla ICE promossa da CIWF. Le adesioni sono state raccolte online e su moduli cartacei per un anno a partire dal settembre 2018.

Approfondisci

Ultime notizie

Emergenza Covid: accudire gli animali con le nuove misure (DPCM 3/11/2020)

Accudire gli animali, che siano di proprietà o liberi sul territorio, è un’attività essenziale per garantirne la salute e il benessere.

Consegnate oggi a Bruxelles 1,4 milioni di firme dei Cittadini Europei contro le gabbie!

Oggi la Commissione Europea ha ricevuto le firme dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) End the Cage Age. Quasi 1,4 milioni di firme sono state autenticate...

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella tutela degli...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend