Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

Importante passo avanti per l’iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age”: il Ministero dell’Interno ha notificato alla sede italiana di CIWF — organizzazione capofila promotrice della campagna — un «certificato di conferma del numero di dichiarazioni di sostegno raccolte per l’Italia», che attesta che le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

Con questo dato, anche l’Italia certifica il raggiungimento della soglia minima di firme, che per il nostro Paese è fissata in 53.580.

Si tratta di un ottimo risultato per l’Italia, che rappresenta un passo importante lungo il cammino di questa iniziativa, alla quale aveva aderito oltre un milione e mezzo di cittadini europei, che ritengono sia arrivato il momento di abolire l’utilizzo delle gabbie negli allevamenti: un sistema antiquato e crudele, completamente incompatibile con il benessere animale.


Quali sono le prossime tappe?

Dall’ottenimento dell’ultimo certificato da parte delle autorità nazionali decorre il termine di tre mesi per presentare l’iniziativa alla Commissione.

Una volta presentata l’iniziativa, inizierà la fase di esame. Potremo incontrare i rappresentati della Commissione, per illustrare nel dettaglio le nostre richieste. Questo passaggio consente alla Commissione di comprendere meglio le nostre richieste, dialogando affinché siano affrontati gli aspetti più tecnici e di difficile soluzione.

Entro tre mesi avremo poi l’opportunità di presentare l’iniziativa in un’audizione pubblica al Parlamento europeo, che potrebbe procedere a un dibattito in seduta plenaria, adottando eventualmente una risoluzione sulle questioni sollevate.

Entro sei mesi, la Commissione esporrà l’eventuale azione che intende intraprendere e i motivi per intervenire o meno.

A questo proposito, lo scorso 20 maggio la Commissione ha comunicato al Parlamento europeo la strategia “Dal produttore al consumatore” nell’ambito degli obiettivi per il 2030, che prevede una revisione della legislazione sul benessere degli animali, prevista nella seconda metà del 2023.

In aggiunta, la commissaria alla Salute Kyriakides nel settimo incontro della piattaforma per il benessere animale, svoltosi lo scorso 15 giugno, ha ribadito che il benessere animale è un tema fondamentale e che la riforma della legislazione in materia «porterà un cambiamento positivo sia con riguardo ai nostri valori etici sia rispetto alle richieste dei cittadini».

La commissaria ha anche precisato che la Commissione è già all’opera per verificare i punti della normativa che richiedono modifiche, lavoro che intende completare per la fine del 2021. Allo stesso tempo, sono già stati richiesti pareri scientifici su aspetti chiave.

Ci impegneremo affinché queste proposte producano risultati concreti per gli animali, innanzitutto inserendo nella legislazione il divieto di utilizzo di qualsiasi gabbia negli allevamenti, come richiesto da oltre un milione e mezzo di cittadini europei.


Supporta il nostro lavoro

Se vuoi supportare il nostro lavoro, puoi diventare nostro socio o fare una donazione.

Foto di Mareks Steins

Ultime notizie

La Svizzera salva i lupi e vota sui diritti dei primati non umani

La Confederazione elvetica si conferma un punto di riferimento nella riflessione sul nostro rapporto con gli altri animali.

Nasce SEDA – Scuola Europea per i Diritti Animali

Nasce oggi SEDA - Scuola Europea per i Diritti Animali, nuovo progetto di Animal Law Italia dedicato alla formazione di esperti nella...

Il covid-19 accelera la dismissione degli allevamenti di visoni nei Paesi Bassi

Questi mustelidi si sono rivelati particolarmente suscettibili al nuovo coronavirus. Il settore (già in crisi) adesso trema.

Animal Law Italia con il comune di Erchie (BR)

Per il secondo anno consecutivo, Animal Law Italia è partner del Comune di Erchie (BR) in un progetto di Servizio Civile Universale.

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend