#EuropaSenzaGabbie: già raccolto un milione di firme!

Da leggere

Europa senza gabbie: oltre 90.000 le firme convalidate in Italia!

Le firme validate nel nostro Paese sono 90.085, pari al 93,34% delle 96.513 totali che erano state presentate.

La Cina ufficializza il bando alla vendita di carne di cane

Il 26 maggio è stata diffusa dal Ministero dell'Agricoltura una versione aggiornata dell'elenco delle "risorse genetiche di bestiame e pollame", che esclude i cani dalla lista di specie per le quali è consentita la riproduzione, l'allevamento, la compravendita e il trasporto per finalità commerciali.

Dal Pakistan una importante sentenza: “Kaavan libero”

Una storia a lieto fine che potrà rivelarsi molto importante in futuro nella battaglia per il riconoscimento...

In poco più di sette mesi dalla presentazione a Bruxelles del 25 settembre 2018, la piattaforma online dell’iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age” ha già superato il primo milione di firme raccolte. Un risultato incredibile, frutto della volontà di oltre 130 organizzazioni in tutto il continente, coalizzate per la prima volta per chiedere la fine dell’utilizzo di gabbie per l’allevamento.

Quali sono i prossimi passi?

Raccogliere il sostegno di un milione di cittadini in almeno un quarto degli Stati membri entro 12 mesi era il requisito proprio l’obiettivo minimo necessario affinché l’iniziativa fosse considerata valida. Al termine del periodo di raccolta, che scadrà a metà settembre, la Commissione dovrà prendere atto del successo dell’iniziativa e sarà tenuta «a presentare, nell’ambito delle sue attribuzioni, un’adeguata proposta su temi per i quali i cittadini ritengono necessario un atto giuridico dell’Unione ai fini dell’attuazione dei trattati»: questo l’iter dettato dal regolamento n. 211/2011 sul diritto di iniziativa dei cittadini europei.

Al momento però la raccolta firme è tutt’altro che terminata, anzi la coalizione — della quale Animal Law ha fatto parte fin dal primo momento — rilancia e punta a raggiungere un milione e mezzo di firme entro la fine dell’estate. Un obiettivo ancora più ambizioso, che si rende necessario sia per superare eventuali intoppi burocratici (statisticamente un certo numero di firme vengono invalidate, per i motivi più disparati), sia per lanciare un segnale ancora più importante alle istituzioni europee. Un numero maggiore di adesioni farà comprendere come i cittadini prendano davvero molto seriamente il benessere animale e chiedano che si agisca tempestivamente per migliorare le condizioni di allevamento.

Se l’obiettivo di consegnare le gabbie ai libri di storia sarà raggiunto, si tratterà di un risultato epocale, che potrà cambiare la vita di milioni di galline, vitelli, scrofe, quaglie e altri animali allevati ogni anno nell’UE. Un risultato che potrà essere senz’altro migliorato ma che intanto consegnerà alla prossima generazione un mondo in cui gli alevvamenti non avranno senza più gabbie. Una prospettiva che — ne siamo certi — milioni di cittadini europei apprezzeranno.

Ultime notizie

Uno studio conferma: cani e gatti non diffondono il nuovo coronavirus

La ricerca ha riguardato 540 cani e 277 gatti, prevalentemente in Lombardia e regioni limitrofe, sottoposti a tampone da marzo a maggio 2020.

Taglio delle code dei maiali: l’Italia si adegua (forse) alle norme europee

Nonostante le resistenze dell'industria, si inizia finalmente a "sperimentare" quanto già previsto dalla Direttiva suini del 2008.

Paesi Bassi: oltre 620.000 visoni uccisi per il virus

Salgono a venti gli allevamenti interessati dagli abbattimenti, dopo la scoperta che in almeno due casi i visoni avevano contagiato i lavoratori.

EuropaSenzaGabbie: l’Italia arranca nella classifica dei Paesi UE

Oggi insieme alle altre associazioni appartenenti alla Coalizione italiana End the Cage AgeDella coalizione fanno parte le seguenti associazioni: Animal Equality Italia,...

In Germania nuovo lockdown dopo l’esplosione di un focolaio in un mattatoio

La struttura è situata nel Nord-Ovest del Paese. Sono almeno 1.550 i lavoratori contagiati e 7.000 i familiari in quarantena.

Newsletter

Notizie simili

Send this to a friend