Altro

    Alice Caldarini

    Laureanda in Giurisprudenza con una tesi in diritto penitenziario, da sempre è interessata ai diritti degli animali, in particolare a quelli inerenti il mondo degli equidi. Collabora con associazioni attive nell'ambito del benessere dei cavalli e nel loro recupero in caso di maltrattamenti.

    Ultimi articoli

    Il caso del pitbull Rocky e l’importanza dello smartphone

    Ciascuno di noi può trasformarsi in investigatore, raccogliendo elementi di prova utili anche per supportare la magistratura e fare giustizia.

    Attenti al cane: obbligo o precauzione?

    Il cartello serve a mettere in guarda i terzi: se questi entrano senza autorizzazione, il proprietario non risponde dell'eventuale aggressione.

    Il paradosso della fauna selvatica ferita

    I centri di recupero sono in condizioni disperate a causa della mancanza di finanziamenti ma nessuno ne parla e sembra volersene occupare.

    “La rivoluzione nel piatto”, di Sabrina Giannini

    La Giannini non fa sconti e resta diretta come è sempre stata nei suoi lunghi anni di denuncia giornalistica. Ed. Sperling & Kupfer, 204 pagine.
    5 articoli scritti

    La competenza comunale in tema di tutela e benessere degli animali d’affezione

    Sono numerose le norme e le sentenze che identificano nel Sindaco) l'organo competente e responsabile del benessere degli animali presenti sul territorio

    La responsabilità penale in ambito equestre

    Non solo responsabilità civile: una breve panoramica dei reati che più comunemente possono verificarsi in ambito equestre.

    Il sequestro di animali

    Si sente tanto parlare di sequestro di animali ma quali sono i casi in cui può essere disposto, le tipologie e le conseguenze di questa misura?

    La macellazione equina è realmente in calo?

    Uno studio contesta le statistiche ufficiali sulla macellazione equina e getta ombre sulla sorte dei cavalli adoperati per sport equestri e corse ippiche.

    Cavalli destinati all’alimentazione umana: cosa dice la legge

    Il tema dei cavalli destinati o meno all'alimentazione umana (DPA e non DPA) è sempre stato sensibile agli animi del mondo equestre